Pink Tax- Il prezzo d’essere donna

Essere donna pare abbia un prezzo, infatti le
donne spendono molto di più senza renderse-
ne conto, eppure questo fenomeno c’è, esiste,
e dilaga tra noi, è nelle piccole cose, dal ba-
gnoschiuma con scritte da ‘’femmina’’ al co-
sto di un taglio di capelli. Quand’ero piccola
mi chiedevo sempre perché il costo di un ta-
glio di capelli ‘’da donna’’ dal parrucchiere
fosse superiore da quello di un uomo, ben il
50 % in più rispetto a una normale rasata
dal barbiere, sarà perché forse fanno la pie-
ga? Sarà perché utilizzano l’olio super li-
sciante e luminoso? Ora non mi pongo nean-
che il problema, il taglio me lo faccio da sola,
finché si tratta di cose ‘’superflue’’ come ad
esempio la ceretta dall’estetista, il massag-
gio anti-cellulite o il gel semipermanente,
posso essere io libera o no di farlo, ma il di-
scorso cambia quando si tratta di spese non
facoltative, ma obbligatorie.

La spesa ordinaria di assorbenti igienici, tampax e simili non si può di certo evitare, ma a differenza
dei rasoi da uomo dove l’IVA arriva al solo
4% perché considerati beni necessari, l’assor-
bente è tassato con IVA al 22% perché consi-
derato bene di lusso, come gioielli, viaggi e
trattamenti estetici. Giuseppe Civati nel
2016 con il suo partito ‘’Possibile’’ aveva av-
viato una proposta di far abbassare l’IVA al
4%, proposta che però è andata a finire del
dimenticatoio. Anche Charge.org, sito di pe-
tizioni, lo aveva chiesto al ministro dell’eco-
nomia Padoan. Eppure in Italia il ciclo me-
struale, a differenza di altre zone del mondo,
dovrebbe essere libero da tabù, cosa che in-
vece ancora persiste, poiché anche se ci sem-
bra normale si tratta pur sempre di una for-
ma di discriminazione, esempio anche il fat-
to che la differenza tra lo stipendio di una
donna e quello di un uomo è del 10,9%. In-
somma, per quanto ancora dobbiamo vivere
con queste ingiustizie sociali, per cui siamo
considerate ‘’minori’’, per cui un nostro bene
necessario non è tassato come la pasta, quo-
tidiani e riso, per cui dovremmo pagare di
più un rasoio rosa rispetto ad uno blu? D’al-
tronde quando andiamo al ristorante giappo-
nese a mangiare il sushi, la cena ce la paga-
no loro.

Swami Avila Ciccone

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*